Perchè il 2020? - La Bassa Romagna 2020

Vai ai contenuti principali
 
 
Sei in: Home  / Il Progetto  / Perchè il 2020?  
Perche-il-2020
 

Perchè il 2020?

 

Il motivo per cui è stato scelto il 2020 quale limite temporale è la coincidenza con l'Agenda Europe2020 .
I valori di fondo a cui L'Unione Europea si è ispirata nella definizione dei suoi obiettivi sono relativi all'attuazione di politiche per una crescita intelligente, inclusiva e sostenibile.

 

Entro il 2020 gli stati membri dovranno raggiungere i seguenti obiettivi:

 

  1. Occupazione:  il 75% della popolazione tra i 20 e i 65 anni di età dovrà essere impiegata
  2. Ricerca e Sviluppo/ Innovazione:  il 3% del PIL dell'Unione Europea (pubblico e privato insieme) dovrà essere investito in ricerca e Sviluppo e Innovazione
  3. Cambiamenti climatici/energia:
    - le emissioni di gas serra dovranno essere inferiori del 20% (o addirittura del 30% se sarà raggiunto un accordo internazionale soddisfacente a seguire Kyoto)

    - il 20% dell'energia dovrà pervenire da fonti rinnovabili

  4. Educazione:  ridurre i tassi di abbandono scolastico ad un indice inferiore al 10%- almeno il 40% dei 30-34enni dovrà aver completato la formazione di terzo livello (o equivalente) 
  5. Povertà/Esclusione sociale:  almeno 20 milioni di persone in meno a rischio di povertà ed esclusione sociale.

 

A tale scopo, l'Unione Europea riorganizzerà radicalmente, dal 2014, il proprio sistema di finanziamenti . Il nuovo modello renderà i territori, i luoghi, “artefici del proprio destino”: un nuovo approccio permetterà di esercitare dal basso le candidature ai finanziamenti, aprirà alla multi-settorialità e incentiverà alleanze e connessioni, anche trans-nazionali, perché la progettualità rispetto agli obietti dell'agenda Europe2020 migliori.

Così, gli stati Nazionali e le Regioni vedranno valorizzate le proprie capacità , ma non in senso amministrativo, piuttosto in quella di supportare i territori nella capacità di prendere l'iniziativa. I progetti potranno essere elaborati da attori pubblici e privati assieme, ossia da tutti gli attori del “luogo”.