Finanziate 51 domande grazie al bando per l'innovazione d'impresa - La Bassa Romagna 2020

Vai ai contenuti principali
 
 
Sei in: Home  / News  / Finanziate 51 domande grazie al bando per l'innovazione d'impresa  

Finanziate 51 domande grazie al bando per l'innovazione d'impresa

 

Cosa nascerà dai 51 progetti finanziati grazie al bando dell’Unione della Bassa Romagna rivolto a imprese e commercianti? Il bando erogherà fondi per 580mila euro, suddivisi in 250mila euro per l’innovazione tecnologica d’impresa e 330mila euro per il mondo del commercio: su queste due linee di contribuzione, sono rispettivamente 17 e 34 le domande che sono state approvate. Di queste, ecco alcuni riassunti dei progetti che sono stati finanziati.

 

Tra le aziende vincitrici nella linea di contribuzione rivolta all’innovazione tecnologica c’è l’Ocm Clima  di Fusignano, sul mercato da oltre 50 anni, che si occupa di impianti aeraulici, di trattamento, aspirazione e filtrazione dell’aria.

 

“Il progetto che abbiamo presentato al bando dell’Unione si chiama ‘Viarossa’, è nato a inizio 2013 e consiste in una nuova filosofia per la produzione di impianti aeraulici - ha spiegato la socia Simonetta Zalambani -. In particolare, il nostro progetto ha spostato due paradigmi dell’impiantistica: il primo consiste nel rendere gradevoli e integrati con l’ambiente le tubazioni per la distribuzione e diffusione dell'aria che solitamente sono nascosti poiché privi di valenza estetica. Attraverso l’utilizzo di nuove tecniche costruttive, verniciature e materiali di qualità, abbiamo reso gli impianti Viarossa, marchio registrato, dei veri e propri elementi di design. Il secondo paradigma che abbiamo ripensato e brevettato è quello dell’integrazione tra i diversi impianti di una struttura: i prodotti di questa gamma sono composti da speciali canalizzazioni che permettono un’integrazione di tutti gli impianti (aeraulico, elettrico, sensori, cavi dati, eccetera), per semplificare l’impostazione e anche la manutenzione degli edifici in cui sono installati”.

 

Il bando dell’Unione, che ha permesso la realizzazione del progetto “Viarossa”, secondo Simonetta Zalambani è “rivoluzionario”: “Finalmente si è capito che le piccole e medie imprese sono l’elemento trainante del territorio, e questo bando ha dimostrato l’attenzione delle nostre amministrazioni. Non solo ha valorizzato la nostra categoria, ma ha messo insieme più sinergie, che saranno la chiave per costruire un futuro migliore. Noi vogliamo rimanere legati al nostro territorio e continuare a lottare a casa nostra, stiamo investendo sulla ristrutturazione aziendali e le sinergie tra pubblico e privato saranno sempre più fondamentali”.

 

Nella stessa linea di contribuzione della Ocm Clima, anche la Torneria Merendi  di Lugo, nata nel 1980: “La competizione nel nostro settore è elevata, per cui è fondamentale cercare di mantenersi al passo con la tecnologia - spiega il titolare Alfio Merendi -. Grazie al bando abbiamo potuto acquistare attrezzatura che ci permetterà di costruire pezzi più complessi. Con questi investimenti saremo in grado di migliorare la nostra produzione non solo in termini di tipologia del prodotto finale, ma anche e soprattutto di precisione lavorativa e di velocità. Tali condizioni, unitamente a un mercato favorevole, sono le necessarie premesse per poter realizzare una crescita aziendale che porti ad un'ulteriore assunzione oltre a quelle già effettuate nel 2012 e 2013. Il bando è stato sicuramente una boccata di ossigeno, in considerazione dei tempi così difficili tra margini ridotti all’osso e clienti insolventi. Abbiamo avuto la dimostrazione che i nostri amministratori si preoccupano anche di noi, questo genere di contributi mette in moto un circolo virtuoso che ha ricadute positive per tutta l’economia”.