Un buon avvio per la bassaromagna2020 - La Bassa Romagna 2020

Vai ai contenuti principali
 
 
Sei in: Home  / News  / Un buon avvio per la bassaromagna2020  
Un-buon-avvio-per-la-bassaromagna2020
 

Un buon avvio per la bassaromagna2020

 

Baricco, Gaber, The Truman show, Proust...visioni di esperienze imprenditoriali di successo, dati che bruciano, scenari da capire e da superare, riflessioni lucide e allo stesso tempo quasi poetiche.

Tutto questo è stato il convegno di avvio del percorso di pianificazione strategica labassaromagna2020  che si è tenuto venerdì scorso, 18 gennaio, a Fusignano.

Erano in tanti i presenti, forse per curiosità di capire prima di tutto, di dare un significato ad un titolo suggestivo, poi forse con la voglia di metterci qualcosa in questo progetto, di investire un po' di energia nello sviluppo della Bassa Romagna del futuro. Rappresentanti della politica e dell'imprenditoria locale, delle categorie sociali, liberi professionisti, cittadini e dipendenti degli enti , sono rimasti ad ascoltare ogni singolo intervento fino al termine del percorso in cui si è delineato quello che è, oggi, la Bassa Romagna e quello che si vorrebbe che diventasse domani, tra sette anni. Con un occhio agli obiettivi dell'Agenda europea per il 2020, ma soprattutto a questa terra e al suo sviluppo, economico, sociale e culturale .

 

“Era questo che doveva rappresentare questo evento – commenta il Presidente Cortesi  – non abbiamo contenuti predefiniti, né linee progettuali già disegnate. Solo spunti, idee e obiettivi imprescindibili da raggiungere e condividere con tutti coloro che si vorranno mettere in gioco”.

Grande soddisfazione insomma e un punto di partenza: la sfida verso il 2020 è aperta .

 

In questi giorni saranno resi disponibili in queste pagine i materiali del convegno, le foto e i video degli interventi  con l'obiettivo di rilanciare le discussioni e iniziare insieme a ragionare sui temi lanciati.

 

I lavori sulla bassaromagna2020 riprenderanno poi a pieno ritmo dopo la tornata elettorale del 24 e 25 febbraio  per rispetto del silenzio pre-elettorale.